What's Up

warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/mediamonitor-politica.it/httpdocs/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 1419.

Un mese di OpenParlamento

 

Il logo di OpenParlamento

Gestito da Openpolis, da circa un mese è attivo OpenParlamento, che permette di avere informazioni su ogni atto in discussione alle Camere, e di monitorare l’attività di ciascun parlamentare. Ecco i dati assoluti, calcolati dall’inizio della legislatura.


Politica online, non c’è due senza tre. O quattro. Anzi, nessuno.

Il grafico fa riferimento ad alcuni dei risultati della ricerca condotta da Stefano Epifani e commentata sull'ultimo numero e sul sito de L’Espresso


Presentazione del libro "Perchè la sinistra ha perso le elezioni?"

Immagine principale: 

Roma - L’Osservatorio Mediamonitor Politica della Facoltà di Scienze della Comunicazione, organizza per mercoledì 8 luglio alle ore 16.30 presso l’Aula degli Organi Collegiali (Palazzo del Rettorato) della Sapienza Università di Roma, la seconda presentazione del libro “Perché la sinistra ha perso le elezioni?”, edito da Ediesse.

Alla luce dei risultati delle ricerche condotte da studiosi delle Facoltà di Comunicazione e Sociologia e del contributo di operatori dei media, il testo affronta i principali nodi problematici emersi dalle scorse Politiche, che hanno confermato la loro attualità in occasione delle recenti elezioni europee e amministrative.


Come usare Youtube per scopi politici?

Come usare Youtube per scopi politici? Steve Grove prova a dare una risposta sul vlog (ossia un blog che comunica con dei video invece che tramite testi, da qui la "v") ufficiale della piattaforma dedicato alla politica, Citizen Tube, attraverso un video in collaborazione con Howcast e Personal Democracy

di Sebastiano Davoli

Video Youtube: 

Bersani e Franceschini, candidature a prova di web

Immagine principale: 

Franceschini e Bersani scelgono la rete per annunciare la loro candidatura alla guida del Partito Democratico (come da lezione targata Dan Thain e Ben Self). E lo fanno attraverso i siti web personali, diversi sotto diversi aspetti. La prima differenza è nella scelta del messaggio di candidatura: Franceschini decide di apparire in video, Bersani pubblica una lunga lettera scritta (una penna stilografica a fine articolo contribuisce a rendere l’idea che sia stata scritta di suo pugno).


Il Quarto Potere di Silvio. Sei anni dopo.

Immagine principale: 

Nonostante il ritardo con il quale si affaccia sul piccolo schermo, il “Citizen Berlusconi” visto in prima tv ieri sera sul canale satellitare Current riesce ancora a conservare l’attualità del proprio messaggio. L’Italia del 2003, che Freccero descriveva come pervasa dal format “vestito e sorriso” e da una tv ormai ossessionata dall’espansione del fatturato pubblicitario, pare appartenere allo stesso orizzonte metatemporale di quella odierna.


La scelta del trasferimento della sede al centro del nuovo logo del G8

Immagine principale: 

Il nuovo logo del G8 sottolinea la scelta politica dello spostamento della sede da La Maddalena a L'Aquila (fonte sito ufficiale Vertice G8)


"U.S.A. e getta", Obama e Hamas

Immagine principale: 

I "prodotti" elettorali finti e ritoccati sono stati uno degli strumenti delle campagne on-line di Barack Obama e John McCain. Soprattutto grazie ai sostenitori di Obama, la rete è stata inondata di foto ritoccate e fotomontaggi. Ovviamente la storia non finisce lì: la rivolta dei gruppi conservatori contro il discorso di Obama al Cairo (tenutosi il 4 giugno) ha generato un'enormità di immagini ritoccate, a partire dal logo "sacro" della campagna di Obama (vedi in questo focus on un commento sul "brand Obama" di Edoardo Salierno).


Informati. Monitora. Intervieni.

Immagine principale: 

Sono le tre parole chiave di un nuovo sito web, openparlamento.it, che da questa settimana offre a tutti i cittadini uno strumento per conoscere meglio gli strumenti della vita democratica italiana.


Il voto non è segreto

Chicago - Viaggiando negli Stati Uniti in tempo di elezioni, colpisce la differenza nel modo di fare comunicazione politica dei candidati. All’assenza di affissioni di manifesti elettorali per strada si contrappone infatti la presenza di cartelli elettorali ai bordi delle strade, ma anche nei giardini o comunque all’esterno delle abitazioni private.
In questo modo molti cittadini dichiarano apertamente il loro sostegno ad uno o all’altro candidato, esercitando in maniera indiretta una forma di influenza personale verso vicini, conoscenti e passanti.


Contenuti via Feed Rss