Ultimi What's up

Cui prodest?

Immagine principale: 

Una lettura diacronica del caso “Pussy Riot” rivela un aspetto interessante dell’applicazione delle teorie della narrazione all’agire politico.


Voting is not a game - giovedì 31 maggio 2012

Immagine principale: 

Giovedì 31 maggio 2012, alle ore 17.30 presso l'Aula Magna del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza, piano terra via Salaria 113, avrà luogo l'incontro conclusivo della terza edizione del Political Game.


No sense of politics. Politica e telepolitica tra declino e prospettive future

Immagine principale: 

Mercoledì 16 maggio (ore 14-17), all’interno del corso di Formati e Stili del Giornalismo Radiotelevisivo, avrà luogo un dibattito sul parallelo declino della politica e della telepolitica italiana, e sulle vie d’uscita a quella che si caratterizza come una crisi di mediazione senza precedenti.


Terza edizione del Political Game - Prospetto degli incontri di formazione

Immagine principale: 

Pubblichiamo il calendario degli incontri di formazione per i partecipanti alla terza edizione del Political Game. 

Scarica il prospetto

 

Pubblichiamo inoltre la presentazione delle edizioni precedenti e di ruoli, squadre e coordinamento della terza edizione del Political Game. 

Scarica le slide


Al via la terza edizione del Political Game

Immagine principale: 

Political Game è il primo progetto italiano che utilizza la simulazione e il gioco di ruolo come espediente formativo. La prima edizione, in cui è stata simulata una campagna elettorale per il sindaco di Roma, ha coinvolto circa 500 tra studenti e docenti, e ha permesso la sperimentazione del voto elettronico in collaborazione con il Ministero dell’Interno; la seconda edizione, declinando la struttura del game a squadre sul versante della comunicazione sociale e istituzionale, ha portato gli studenti di Scienze della Comunicazione a realizzare e proporre quattro piani di comunicazione al Secondo e Terzo Municipio di Roma.


Per una nuova politica del cucĂą?

Immagine principale: 

Sabato 14 gennaio 2012, prima udienza del Presidente del Consiglio Mario Monti con Papa Benedetto XVI. Tutti gli organi d’informazione giudicano positivi gli esiti del meeting rituale, e concentrano la loro attenzione appunto sugli aspetto maggiormente “di rito”: laRepubblica.it pubblica la fotonotizia dal titolo “Vaticano, niente inchino per Monti”, il Tg1 fa la conta di quanti, tra il Premer e i componenti del suo seguito, abbiano effettuato l’inchino o il bacio dell’anello (Moavero Milanesi), e quanti abbiano cercato ostentatamente una “terza via” tra la riverenza e la più audace postura rigidamente ritta (Terzi di Sant’Agata e Catricalà).


La strategia di Furio

Immagine principale: 

Un deciso cambio di stile nella comunicazione del governo italiano, per alcuni addirittura un capolavoro di comunicazione istituzionale e politica. Così viene definito in Rete nella serata del 4 gennaio il comunicato con cui Mario Monti risponde alla’interrogazione a risposta scritta che fonti stampa attribuiscono a Roberto Calderoli circa “le modalità di svolgimento della cena del 31 dicembre 2011 del medesimo Presidente del Consiglio”.


Sondaggi.com: il report di dicembre 2011

Immagine principale: 

Riprediamo la pubblicazione del progetto di analisi comunicativa e politico-metodologica dei sondaggi politico-elettorali diffusi dalla stampa nazionale con il report di dicembre 2011.

Scarica il report


Sondaggi.Com, lavori in corso

Immagine principale: 

Il progetto di analisi dei sondaggi politico-elettorali dell'Osservatorio Mediamonitor Politica riprende, ma il gruppo Sondaggi.Com sceglie di non commentare le previsioni di questi giorni, "drogate" dall'eccesso di emotività seguito alle dimissioni di Silvio Berlusconi e ai conseguenti (e affrettati) scenari di riposizionamento. La prossima uscita sarà dunque dedicata a un'analisi più in profondità dei rapporti di forza tra le forze politiche in campo prima del governo Monti, a partire dal voto di fiducia al Governo Berlusconi al Senato e alla Camera del 14 dicembre 2010 agli ultimi sommovimenti della prima metà di novembre 2011.


Domani è un altro giorno

Immagine principale: 

Sabato 12 novembre 2011, ore 21.42: il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano annuncia di aver ricevuto le dimissioni Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi. La folla che riempie la piazza del Quirinale è in festa, sui social network proliferano tweet, aggiornamenti di status, pubblicazioni di immagini e musiche che inneggiano all’addio del premier, i salotti televisivi si affollano ancor di più di esperti chiamati a rileggere gli ultimi diciassette anni di storia italiana alla luce della debacle dell’ultima settimana parlamentare.


I peccati di Di Pietro

Immagine principale: 

Durante la giornata del 10 novembre, i siti dei principali quotidiani italiani, accanto alla notizia della nomina a senatore a vita di Mario Monti, hanno evidenziato l’avversione / il “no” ad un suo eventuale governo da parte dell’Idv e di Antonio Di Pietro. Lo stesso si ritrova, naturalmente, all’interno del giorno successivo.

Questa notizia è stata rappresentata miranti attraverso due diverse strategie narrative, miranti entrambe a rappresentare in maniera negativa la scelta del leader molisano.


Crisi della politica, trionfo del teatro

Immagine principale: 

Si è detto e scritto molto sulla teatralità dei fatti dell’8 novembre. Dall’immagine di Silvio Berlusconi che dopo la conta dei voti per l’approvazione del Rendiconto alza gli occhi al cielo con l’aria di un Priamo che sfugga la vista del suo regno in fiamme, ripresa perfino dalla stampa internazionale, al siparietto di Gennaro Malgeri assente per essersi allontanato proprio nel momento più strategico dall’Aula per provvedere alle prescrizioni del suo medico.


No, non sono gli anni Ottanta

Immagine principale: 

La sintesi migliore dello scontro virtuale che ha opposto il Sindaco di Firenze Matteo Renzi e il Segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani negli ultimi giorni di ottobre è forse un titolo di RaiNews24: Renzi lancia il “Wiki Pd”. Bersani: “Idee anni'80”.


Le allegre comari di Villa Certosa

Immagine principale: 

Silvio Berlusconi e le donne. Un rapporto che coglie al meglio una delle dimensioni più interessanti della “anomalia” italiana, la capacità del Cavaliere di fare delle sue avventure galanti, gaffes e piccoli scandali sessuali compresi, una parte della sua strategia comunicativa, che solo negli ultimi anni sembra dimostrare qualche cedimento (Ruggiero, 2010). E che pertanto avrebbe pieno diritto di ospitalità nell’articolo de “L’Espresso” nelle edicole venerdì 17 giugno; se non fosse che dall’accostamento tra l’analisi politica di Marco Damilano e il reportage fotografico di Antonello Zappadu emergono segnali contrastanti.


Sondaggi.com: il report di aprile-maggio 2011, seconda parte

Immagine principale: 

Pubblichiamo, all'indomani del ballottaggio per le elezioni amministrative, l'analisi politico-metodologica dei sondaggi politico-elettorali diffusi dalla stampa nazionale a partire dalle prime tre settimane di aprile.

Scarica il report


“Oltre” la vittoria

Immagine principale: 

A botta calda, due sono le evidenze che si possono trarre dai risultati dei ballottaggi alle Amministrative 2011, in particolare riguardo a quelle due città che nella riflessione politica e mediatica dei giorni di campagna elettorale sono state erette ad epicentro dell’eventuale terremoto politico che avrebbe portato con sé la sconfitta del centrodestra nella “sua” Milano e in quella Napoli che si credeva conquistata per disfatta politica della classe dirigente uscente.


Sondaggi.com: il report di aprile-maggio 2011, prima parte

Immagine principale: 

Pubblichiamo, alla vigilia del ballottaggio per le elezioni amministrative, l'analisi comunicativa dei sondaggi politico-elettorali diffusi dalla stampa nazionale a partire dalle prime tre settimane di aprile.


Silvio ciao

Immagine principale: 

L’unico dato certo che è fuoriuscito dalle Amministrative che si sono svolte negli scorsi giorni nel Belpaese sembra essere che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha sostanzialmente perso. Se Torino e Bologna restano feudi “rossi”, il primo con Piero Fassino (che succede all'altro pidino Sergio Chiamparino), il secondo con Virginio Merola (che riporta la calma dopo lo scandalo "Cinzia-gate" che ha travolto l'ex sindaco del Pd, Flavio Delbono, e che lo ha portato alle dimissioni nel gennaio del 2010) i risultati eccezionali si registrano a Milano, capitale economica della penisola, e a Napoli, capitale del Mezzogiorno.


Oltre la destra e la sinistra?

Immagine principale: 

 “Era quel dolo eventuale prefigurato dai magistrati di Torino ciò che rendeva storico il processo sulla improvvisa fuoriuscita di olio bollente che all’una e 43 secondi del 6 dicembre 2007 bruciò la vita di sette operai della Thyssenkrupp … non la morte atroce di sette padri di famiglia. Sembra cinico dirlo, ma è così”, commenta l’inviato del Corriere della Sera presentando la sentenza contro i dirigenti dell’azienda siderurgica tedesca.


Sondaggi.com: il report di marzo 2011

Immagine principale: 

Pubblichiamo in allegato il secondo rapporto dell'Osservatorio per il progetto Sondaggi.com, relativo ai sondaggi diffusi durante il mese di marzo 2011.

Leggi il rapporto